DIVERTIRSI CON I LOS LOCOS

di Alfonso Magno

Venerdì 11 Ottobre 2002

DUE MATTI, DUE "LOCOS", CHE AMANO DIVERTIRSI MA, SOPRATTUTTO, FAR DIVERTIRE

- Paolo e Roby, da dove arriva la vostra passione per la "musica latina"?

- Paolo: «È un genere musicale che diverte e che ci fa divertire. L'abbiamo nel sangue! È... una tara genetica...».

- Roby: «Per forza... Paolo ce l'ha nel sangue... sua mamma è venezuelana... Abbiamo iniziato nel 1991. Il genere a me è sempre piaciuto. Lavoravamo in discoteca...».

- Lavoravate assieme? Scusate, ma da quanto vi conoscete?

- Paolo e Roby: «Da sempre!».

- Roby: «Sin dai tempi della scuola. Praticamente abbiamo sempre vissuto le nostre passioni musicali in simbiosi e sintonia. Poi la "pratica" nelle discoteche. Come ti dicevamo prima... divertirci per far divertire! E le discoteche sono un'ottima palestra».

- Allora come nascono i Los Locos?

- Roby: «Prima facevamo i produttori dance, così, per gioco e... indovina... per divertirci...».

- Paolo: «È nato il nostro primo singolo; "Porompompero". Ci siamo accorti che funzionava alla grande».

- Roby: «Abbiamo così profuso le nostre esperienze passate. Ci siamo resi conto che unire il "latino" alla "disco" era, ed è, veramente accattivante. Una scommessa per il mercato europeo, dove mancava qualcosa del genere. Il tempo ci sta dando ragione».

- "Los Locos" è sinonimo di "Macarena" e di "Tic Tic Tac". Quanto è difficile creare un brano che possa superare questi successi?

Roby e Paolo sorridono!

- Paolo: «Quando ci chiudiamo in studio, quando iniziamo a creare... non sappiamo a priori se ciò che andiamo a comporre funzionerà. È un mistero, una magia...».

- Roby: «Comunque è sempre e solo il pubblico che decreta il successo».

- L'allegria, la gioia, la spensieratezza che emanano le vostre musiche, si leggono anche sulle copertine dei vostri lavori discografici...

- Roby: «Hai centrato in pieno il senso. È assolutamente vero; le copertine in effetti rispecchiano pienamente i nostri lavori... Così particolari, così estrose...».

- Paolo: «Il merito è del nostro amico "grafico"».

- Vi sentite i principali "colpevoli" della grande diffusione che ha ormai la musica "latino-americana" in Italia?

- Roby: «In effetti ci etichettano proprio come dici tu. Per noi è un vanto».

- Paolo: «Si, siamo proprio stati i primi "pazzi" in questo genere musicale».

- Nel 1998 all'estero esplodono i Los Locos: Giappone, Cina, Russia... Paesi forse poco avvezzi a questo genere di musica...

- Roby: «Poco avvezzi non è corretto... Per niente avvezzi! Noi pensavamo di trovarci di fronte ad un pubblico freddo... e non per la temperatura (sorride citando la Russia, n.d.a.). E invece...».

- Paolo: «E invece, caro Al, un'accoglienza inimmaginabile. Ragazzi, "Macarena" apre tutte le porte!».

- Roby, pregi e difetti di Paolo.

- Roby: «Mi sparo subito il difetto: ritardatario! Paolo è geneticamente ritardatario. D'altronde, avendo origini sudamericane... Il grandissimo pregio che ha, invece, è che è calmo in qualsiasi situazione; è la calma in persona (ma non sul palco, n.d.a.). Pensa che non abbiamo mai litigato».

- Paolo, ora tocca a te...

- Paolo: «Anch'io ti sparo subito il suo peggior difetto: è di un permaloso, ma di un permaloso... Ma ha il grosso pregio di sapersi divertire in compagnia; un mito! (e sul palco si vede, n.d.a.)».

- Nel 2000 nasce "Cocoloco". Il bilancio?

- Roby: «Purtroppo è uscito solo il singolo, anche se avevamo un album in preparazione. Ci sono dei problemi di ordine logistico. Sai, un nome del calibro di Kid Creole...».

- Paolo: «Comunque c'è interesse nel continuare il progetto. Pensa che in 14 giorni abbiamo scritto 12 pezzi. Probabilmente usciranno in un nostro prossimo lavoro».

- Oltre il mitico "Kid", avete in progetto altre collaborazioni?

- Paolo: «Noi siamo sempre aperti alle collaborazioni. In passato abbiamo lavorato anche con i Fratelli La Bionda (Oliver Onions, D.D. Sound o, ancora, Guido e Maurizio De Angelis, n.d.a.)».

- Roby: «A livello artistico ci piacerebbe collaborare con un grande personaggio, uno che a te sicuramente piace: Matt Bianco».

- Cosa c'è nel futuro dei Los Locos?

- Roby e Paolo: «Ci sarà una sorpresa, ma che per scaramanzia non ne vogliamo parlare. Aspetta e vedrai...».

L'intervista termina, ma saremmo rimasti a chiacchierare ancora a lungo. Si avvicina l'orario del concerto e Paolo Franchetto e Roby Borillo raccolgono le loro inesauribili energie per cederle alla piazza ormai gremita. Salgono sul palco ed iniziano ad animare una piazza intirizzita dal freddo pungente. Non sono dei cantanti... sono degli autentici trascinatori ed animatori. Con loro è assolutamente impossibile stare fermi... Neanche la pioggia, che ha "bagnato" il loro ultimo brano, gli ha fatto "staccare" la spina...

 

Torna all'Home Page di www.militello.info

© 2001-2002 by militello.info® | webmaster@militello.info

Tutto il contenuto del sito è coperto da Copyright

Il sito è ottimizzato per Internet Explorer 5™ ed una risoluzione 800 x 600.