NOVE ANNI IN PROVINCIA? UN'ESPERIENZA ESALTANTE

di Alfonso Magno

Sabato 24 Maggio 2003

NELLO MUSUMECI: LASCIO UNA PROVINCIA ORGANIZZATA, RAZIONALE E TRASPARENTE

- Presidente Musumeci, sono passati nove anni dalla sua prima elezione. Che cosa le ha dato, in termini umani, questa esperienza?

«Un grande arricchimento sul piano interiore e soprattutto la gioia e la soddisfazione di vedere realizzati i legittimi desideri della gente; desideri inseguiti per tanto tempo e che sembravano essere diventati obiettivi irraggiungibili. La grande soddisfazione di avere potuto dare risposte e certezze in una realtà nella quale il rapporto fra cittadino ed istituzione era diventato sempre più deteriorato, sempre più debole.»

- Lei è stato il più giovane Presidente di Provincia, nonché il primo, in Italia, ad essere eletto direttamente dalla cittadinanza. Il suo mandato, cinque anni fa, è stato riconfermato. In più, un sondaggio Datamedia ha accertato che lei, tra i 103 Presidenti di Provincia, è stato, percentualmente, il più apprezzato dalla cittadinanza. Lei è riuscito a mettere d’accordo buona parte delle forze politiche, anche d’opposizione. Qual è il segreto di questo successo?

«Avere un senso istituzionale della politica. Riuscire a staccarsi dall'appartenenza ed essere super partes; punto di riferimento, di mediazione e di equilibrio fra forze politiche diverse e contrastanti. Ho sempre operato secondo un criterio: di fronte alla scelta fra ciò che appariva giusto e ciò che appariva utile, scegliere ciò che appariva giusto; la gente ha capito, ha capito che io sono stato il Presidente di tutti, anche di quelli che non mi hanno votato ed ha apprezzato questo senso istituzionale. Sta proprio qui il significato intrinseco del nuovo sistema elettorale, cioè della elezione diretta del Presidente della Provincia e naturalmente anche del Sindaco»

- Il suo mandato è ormai scaduto. È riuscito, Presidente Musumeci, a mettere in atto tutto ciò che si era prefisso?

«Si, il mio programma l'ho realizzato e l'ho realizzato per intero. Beh, se si considera che abbiamo cominciato da zero, è facile immaginare quanta strada sia stata fatta in questi nove anni. Resta l'amarezza per non aver potuto fare tutto ciò che ancora resta da fare, assieme alle tante cose fatte, quelle che si possono e si debbono fare. Al mio successore lascio un patrimonio di concretezza e di onestà che sono sicuro saprà custodire e consolidare. Io la Provincia l'ho trovata solo sulla carta intestata; ora sto lasciando una grande Provincia, conosciuta ed apprezzata anche in Italia. Spetta al nuovo Presidente saperla utilizzare ed utilizzare bene.»

- Qual è l’opera realizzata durante il suo mandato che la rende più orgoglioso?

«Sono tante, sono tante le opere... Intanto la riqualificazione della rete viaria. Abbiamo ridato dignità a decine e decine di chilometri di strade, con illuminazione, rifacimento di muri, di ponti, riasfalto, ampliamento di curve... Abbiamo realizzato un viadotto nel Calatino che è costato 40 miliardi di lire. Abbiamo triplicato la spesa per l'edilizia scolastica, creando nuovi edifici e centinaia di nuove aule arredate ti tutto punto. Abbiamo dato ossigeno alla politica occupazionale. Ecco, credo che sia stato questo l'aspetto più significativo. Abbiamo dato lavoro stabile a settanta padri di famiglia precari, che da un giorno all'altro sarebbero rimasti sulla strada. La Legge ci ha offerto l'opportunità di farlo, e noi l'abbiamo fatto, perché quando a cinquant'anni si resta senza lavoro, si è troppo giovani per andare in pensione e troppo vecchi per poter ricominciare da capo. Mi auguro che comunque i tre grandi obiettivi vengano realizzati: il parco tematico dei divertimenti a Fiumefreddo; la pedemontana e metropolitana dall'autostrada di San Gregorio sino a Catania ed il grande aeroporto intercontinentale nella Piana di Catania. Sono tre opere alle quali ho lavorato in questi anni che naturalmente dovranno essere completate nel tempo e con ingenti risorse finanziarie. Ma l'idea di averle immaginate e di averle avviate mi conforta perché sono sicuro che prima o poi diventeranno realtà. Grandi realtà per fare della Provincia di Catania e della Sicilia un punto di riferimento nel bacino del Mediterraneo.»

- Cosa avrebbe voluto fare, in questi nove anni, è non le è stato possibile fare?

«Mah, alcune cose sicuramente sono apparse difficili, se non impossibili. Avrei voluto creare diverse scuole del restauro, per esempio in Provincia di Catania per la pietra bianca e per la pietra lavica. Avrei voluto dare opportunità di lavoro a tanti giovani, incoraggiando gli investimenti. Avrei voluto che l'arancia rossa diventasse quella che per Torino è la Fiat. Mi sono sforzato con una campagna promozionale che è costata miliardi di lire; con una presenza nei grandi aeroporti e nelle stazioni ferroviarie. Ma naturalmente non ci siamo riusciti appieno perché da sola la Provincia non può affrontare e risolvere un problema così grosso.»

- Si è mai pentito di qualcosa che, come Presidente della Provincia, ha fatto?

«Si, l'aver dato fiducia a gente poco leale e ingrata.»

- Nello Musumeci Presidente di Provincia e Nello Musumeci Europarlamentare. In quale ruolo si è sentito più a suo agio?

«In tutt'è due perché tutt'è due si integrano. La capacità di essere rappresentante del governo locale e quindi degli interessi diffusi del territorio, e la possibilità di trasferire questi legittimi interessi del territorio in ambito europeo. Non è un caso che la Provincia di Catania sia stato l'unico Ente Locale in Sicilia ad avere avuto autorizzato da Bruxelles uno sportello per la informazione europea. Questo è frutto di sinergia tra il Presidente della Provincia ed il deputato europeo. Senza dire dei progetti, dei tanti progetti che la Provincia ha varato e che sono stati finanziati con fondi comunitari. Credo che sia importante portare in Europa le istanze anche degli ambiti locali e ristretti, qual è la Provincia di Catania.»

- Cosa si lascia dietro e cosa c’è nel suo futuro?

«Dietro mi lascio un'esperienza esaltante, forse la più esaltante della mia vita politica, fatta di soddisfazioni, fatta di sacrifici, fatta qualche volta di amarezze, ma compensata dalla stragrande fiducia della gente. Nel mio futuro c'è ancora il servizio, il servizio alla politica pulita, alla politica concreta, alla politica intensa come atto d'amore. Non faccio programmi e non faccio progetti. Intanto mi dedico al mio Partito (Alleanza Nazionale, ndr), del quale sono coordinatore regionale in Sicilia. Mi dedico al mio mandato di parlamentare europeo. Poi saranno gli altri a decidere; sarà il Presidente Fini e naturalmente saranno gli elettori, se chiamati ad esprimere un giudizio.»

- Cosa vuole dire al suo successore?

«Voglio dire che ha senza dubbio un po' di fortuna in più rispetto a quella che ho avuto io. Io la Provincia l'ho trovata solo sulla carta intesta... Era un Ente distrutto, devastato, senza alcuna dignità istituzionale. Oggi gli lascio una Provincia organizzata, razionale, trasparente, presidio di legalità, presidio di impegno antimafia. Una Provincia capace di diventare la cabina di regia dello sviluppo compatibile di tutto il territorio provinciale. Mi auguro che egli sappia stare accanto agli ultimi, accanto agli emarginati, accanto ai non garantiti, come ho fatto io. Che sappia essere il Presidente di tutti e non soltanto di una parte. Bisogna saper interpretare anche la voglia di cambiamento di chi sotto il palco non applaude, o di chi nei locali mugugna contro te stesso. Se riesce a superare questa logica dell'appartenenza ed essere riferimento di tutti, si vince la sfida, si vince la battaglia ed il consenso prima o poi arriva.»

 

Torna all'Home Page di www.militello.info

© 2001-2005 by militello.info® | webmaster@militello.info

Tutto il contenuto del sito è coperto da Copyright

Il sito è ottimizzato per Internet Explorer 5™ ed una risoluzione 800 x 600.