Fino all'Ottocento inoltrato, l'edificio in cui abitò, nei pressi della chiesa dei Santi Pietro e Paolo, veniva comunemente indicato come "casa del giudice Palermo". Egli, infatti, oltre alla professione di avvocato, spesso esercitò quella di giudice. A parere dello storico Vincenzo Natale, le sue sentenze, seppur scritte in un latino "non troppo purgato", dimostrano "buon senso" e un modo di ragionare compatibile "coi motivi di diritto alla maniera ch'esige il nuovo codice del 1819".

Fu uno dei fondatori della Chiesa del Sacramento al Circolo di Militello, dove fu sepolto e dove era posto un suo ritratto.

(A cura di S.P. Garufi)

 

Torna all'Home Page di www.militello.info

© 2001-2005 by militello.info® | webmaster@militello.info

Tutto il contenuto del sito è coperto da Copyright

Il sito è ottimizzato per Internet Explorer 5™ ed una risoluzione 800 x 600.