Dal suo atto di morte ricaviamo che nacque a Catania da don Placido, farmacista, e da donna Giuseppa Lombardo, civile, e che era sposato con donna Rosa Blanco Sferlazzo.

Con testamento olografo del 24 agosto 1887 "legava il suo patrimonio per l'assistenza ai poveri caduti sul lavoro" e in virtù di ciò la Congregazione di Carità (dopo la morte della moglie di Pappalardo, nominata a suo tempo "erede universale usufruttuaria degl'immobili, rendite ed altro") stabiliva nel 1910 "la erezione di un fabbricato... da erigersi nel vastissimo piano San Francesco di Paola", di cui il Comune concedeva "gratuitamente un tratto". Tale fabbricato si sarebbe dovuto chiamare "Istituto di Beneficenza Gulinello-Pappalardo", in quanto si era deciso di riunire in un unico progetto di beneficenza il lascito in questione con quello di Salvatore Gulinello Rizzo (questi a sua volta aveva disposto che il suo patrimonio servisse "per educare n. 12 orfanelle povere"). Pertanto, con atto del notaio Salvatore Basso del 18 giugno 1911 la Congregazione di Carità affidava i lavori per la costruzione dell'edificio ("in base al progetto redatto dal Cavaliere Salvatore Sortino").

Senonché le Opere Pie Gulinello e Pappalardo non coabitarono a lungo perché la Congregazione di Carità credette opportuno scindere subito i due progetti. Sorsero pertanto due costruzioni: l'Orfanotrofio Gulinello Rizzo e l'Ospizio Pappalardo "per la vecchiaia invalida (che oggi costituisce il piano terra dell'Ospedale Civico). Quest'ultimo fu inaugurato nel 1912.

Di Saverio Pappalardo Lombardo non si hanno altre notizie.

 (A cura di P.S. Basso)

 

Torna all'Home Page di www.militello.info

© 2001-2002 by militello.info® | webmaster@militello.info

Tutto il contenuto del sito è coperto da Copyright

Il sito è ottimizzato per Internet Explorer 5™ ed una risoluzione 800 x 600.